Insegne luminose a LED, amiche dell'ambiente

Pubblicazione: 6 febbraio 2018 00:00
Argomento: News
iStock-601154652

Se sono stati definiti "la luce di domani" un motivo ci deve pur essere, e solo in parte ha a che fare con l'efficienza. Sì, perché i LED che illuminano molte delle insegne luminose di oggi non sono solo altamente efficienti e duraturi, ma sono anche amici dell'ambiente.

Il motivo, anzi i motivi, sono presto detti: hanno un ciclo di vita più lungo, non inquinano e garantiscono un alto risparmio energetico. Partiamo dal primo punto: rispetto all'illuminazione tradizionale, i LED hanno una durata media superiore di 50-100mila ore. Per questo motivo richiedono un bassa manutenzione.

Una volta esauste, le insegne luminose a LED non inquinano l'ambiente perché non contengono né i fosfori 49 contenuti nei tubi fluorescenti, né i gas pericolosi come i vapori di mercurio, altamente tossici e in grado di provocare gravi forme di inquinamento del suolo e delle acque.

L'elevato risparmio energetico che si può ottenere con questi diodi a emissione di luce, quantificabile intorno al 50-70% rispetto alle lampade tradizionali, garantisce una forte riduzione di anidride carbonica.

Infine, i LED delle insegne luminose generano calore, ma lo trattengono all'interno. In questo modo, l'involucro controlla il calore prodotto e lo rilascia con gradualità verso l'esterno, con un impatto inferiore sull'ambiente.

Sono poche le aziende italiane che possono vantare l'esperienza e la competenza per progettare e realizzare insegne a LED ad alta efficienza energetica. Fra queste c'è Eliosneon, a cui si deve la realizzazione negli anni '30 della prima insegna luminosa al neon della storia del nostro Paese.